Open Source prioritario per la Pubblica Amministrazione

Il governo Monti ha introdotto da breve un’importante modifica del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) che per 3DGIS è molto importante. L’acquisizione di software libero o a codice sorgente aperto (o il ricorso a soluzione già sviluppate all’interno della P.A.) è divenuta la regola, mentre l’acquisizione di software di tipo proprietario mediante licenza d’uso costituisce ora l’eccezione. 3DGIS, fin dallo start up, rilascia i suoi software con codice sorgente aperto e a disposizione dei nostri clienti.

Abbiamo scelto questa strada per una forma di trasparenza e di libertà, che consenta alla Pubblica Amministrazione di evitare il lock-in tipico dei prodotti commerciali non open source. La disponibilità del codice sorgente consente inoltre di evitare l’obbligo di un canone di manutenzione e di provvedere alla gestione del software e all’aumento di funzionalità in modo autonomo. Per facilitare questa operazione 3DGIS offre inoltre un servizio di formazione sul proprio framework e un periodo di affiancamento al team di sviluppo che si occuperà del software.

(Visited 26 times, 1 visits today)
Pubblicato il 28 agosto 2012 da 3DGIS