“Location Lab” plugin QGIS per individuare l’area raggiungibile entro un certo tempo

QGIS tramite i suoi plugin estende notevolmente le sue potenzialità. È stato da poco presentato un nuovo plugin per la location intelligence che permette di determinare le aree raggiungibili da un punto entro un determinato tempo prefissato.

L’utilizzo dei dati spaziali e della loro analisi sono in costante aumento nelle aziende e nella pubblica amministrazione per l’utilità che ricoprono nelle scelte aziendali.

Tra le analisi più frequenti c’è l’individuazione delle zone raggiungibili entro un determinato tempo predefinito.

Questo problema di location intelligence è rilevante in numerosi campi come:

  • La gestione delle emergenze per controllare se tutte le aree del territorio amministrato sono raggiungibili entro una determinata soglia temporale.
  • Lo sviluppo di reti di assistenza per controllare quali aree richiedono un’estensione della rete.
  • L’ottimizzazione dei processi di logistica per individuare le zone più idonee per la costruzione di nuovi magazzini.
  • L’analisi di vendite e marketing combinando le aree raggiungibili con i dati di vendita e la distribuzione di possibili clienti.

Il plugin per QGIS Location Lab assolve a questo compito permettendo di individuare l’aera raggiungibile in auto o a piedi a partire da uno o più punti predefiniti entro un certo limite di tempo prefissato.

A partire da un layer di punti, il plugin utilizza delle API di terze parti (HERE o Skobbler) per l’individuare l’area raggiungibile entro un determinato valore temporale. L’area creata viene salvata in un nuovo layer che contiene inoltre tutte le informazioni alfanumeriche che hanno portato alla generazione del dato. Possono essere effettuate più richieste che vengono salvate sullo stesso layer per una successiva attività di analisi.

Vediamo un esempio concredo di utilizzo del servizio.

  1. Installare il plugin “Location Lab QGIS Plugin” su QGIS.
  2. Impostare una mappa di sfondo come OpenStreetMap utilizzando il plugin QuickMapServices (questo passaggio è facoltativo ma consigliato per analizzare meglio i risultati).
  3. Importare un layer con un elenco di punti o creare un nuovo layer e aggiungere le geometrie desiderate. Nell’esempio sono state inserite Venezia e Milano.
  4. Selezionare i punti dei leyer con i quali effettuare il test del plugin.
  5. Aprire il pannello del plugin dal menu “Location Lab > Catchments“.

Dal pannello è possibile:

  1. Selezionare le API di terze parti da utilizzare. Ogni servizio richiede di inserire la propria key del servizio ottenibile dal link Get key del plugin stesso. Il servizio HERE offre un piano gratuito con cui poter provare il plugin.
  2. Selezionare il layer di punti che abbiamo importato o creato sul quale eseguire l’analisi.
  3. Impostare la modalità di trasporto e il tempo massimo in minuti.
  4. Decidere se attivare alcuni parametri come l’inclusione dei dati sul traffico.
  5. Premere il pulsante “Get catchments” per avviare il calcolo dell’area.

Il plugin creerà un nuovo layer di aree “Location Lab – catchments” che è possibile tematizzare come si preferisce e che contiene tutti i parametri utilizzati per il calcolo delle aree.

3DGIS, Carto e Location Intelligence

Carto, il nostro versatile Web GIS, consente di eseguire operazioni di analisi spaziali come la location intelligence.
È possibile inoltre esportare i dati su QGIS con la creazione nativa di un progetto.
In caso di esigenze particolari possiamo personalizzare le operazioni di analisi spaziali sulla base delle vostre richieste.

Pubblicato il 13 settembre 2017 da Francesco GIunta
Tag: ,